KOUROUMA DECIDE LA FINALE, IL MILAN SI CONFERMA CAMPIONE

Il Milan si conferma campione al Torneo delle Sirene, superando di misura la Sampdoria grazie alla rete decisiva del bomber Kourouma, capocannoniere della rassegna con 5 gol al proprio attivo. Allo Stadio Italia è andata in scena la miglior finale possibile, con la compagine blucerchiata che ha sciorinato bel gioco e spettacolo grazie al lavoro del mister Massimo Augusto. Fraseggio e capacità di palleggio anteposto al risultato: questa la filosofia della squadra ligure, difesa alta e manovra corale alla ricerca dell’imbucata vincente.

In avvio di gara Tirapelle verticalizza per Kourouma, palla tesa verso il centro che Companer protegge mentre scivola via verso il fondo. Tomella cerca il jolly dalla distanza, mentre El Hilali non inquadra la porta da posizione favorevole. La Sampdoria non sta a guardare. Marra trova i guantoni del portiere con una sassata dai 20 metri, poi Ravera inzucca su cross dalla destra di Sanguineti: palla che esce di un soffio alla destra di Cella. Spagnulo si oppone sul primo palo a Korouma, che pochi minuti più tardi trova il guizzo vincente che decide la gara. Il numero 11 rossonero riceve palla defilato sulla sinistra, converge verso il centro per poi scaricare una bordata improvvisa che sorprende Spagnulo sul palo corto.
Nella ripresa il Milan arretra il proprio baricentro per conservare il prezioso vantaggio, con Dolcini che accende la luce per illuminare il gioco provando a verticalizzare per le folate offensive ben controllate dalla difesa fisica e compatta del mister Morin.

MILAN – SAMPDORIA 1-0

Rete: 24’ pt Kourouma

MILAN: Cella, Concas, Balesani, Citi, Tomella (16’ sy Bright), Tonon, El Hilali (10’ st Polenghi), Piaccaluga, Kourouma, Tirapella, Toffanin.
A disp: Nicoli, Gini, Curreri, Aspesani.
All: Morin

SAMPDORIA: Spagnulo (17’ st Rossi), Ravera, Sanguineti (1’ st Migliardi), Campaner, Marra, Chiodi (1’ st Debenedetti), Dolcini, Canovi (30’+1 st Mata), Paoletti, Alessi, Donato.
A disp: Palmentieri, Chiarlone, Malagrida.
All: Augusto